IL NOSTRO PENSIERO

Lo sviluppo futuro della vitivinicoltura Italiana non risiede solamente nel consolidamento dell’immagine di zone dalla grande tradizione, ma anche nel raggiungimento, attraverso opportune scelte viticole ed enologiche, di produzioni di alto livello, caratterizzate dal giusto rapporto qualità-prezzo, in territori ancora poco conosciuti dal punto di vista del loro potenziale qualitativo viticolo ed enologico.

I NOSTRI VINI

VISITE GUIDATE
CON DEGUSTAZIONE

La visita (da prenotare con preavviso di una settimana) prevede :

• Visita guidata in Italiano o su richiesta in lingua straniera (Inglese, Francese, Tedesco).

• Degustazione dei Vini aziendali (nelle annate disponibili).

Scopri di più

ULTIME NOTIZIE

Comments Box SVG iconsUsed for the like, share, comment, and reaction icons

26.02.2020
Ieri eravamo a Dallas per il Great Wines of Italy - USA • 2020 🍷🇺🇸

#CasaledelGiglio #greatwinesofitaly #jamessuckling #dallas
... See MoreSee Less

26.02.2020
Ieri eravamo a Dallas per il Great Wines of Italy - USA • 2020 🍷🇺🇸 

#CasaledelGiglio #GreatWinesofItaly #JamesSuckling #Dallas

Comment on Facebook

Grande Linda Siddera👍👍👍

Mi complimento sempre con voi, vorrei sapere perché il Satrico è aumentato di 2 euro a bottiglia. Grazie

Quando sarà a Miami?

Will Casale del Giglio be sold in Dallas or anywhere in the U.S.? I purchased this wine years ago but haven't been able to find a place that sells it.

1 week ago

Casale del Giglio

I NOSTRI VINI - BIANCHI
ANTINOO - BIANCO LAZIO IGT/IGP

CENNI STORICI
Nel dicembre 1907 in località Torre del Padiglione, a breve distanza dall’azienda Casale del Giglio, fu rinvenuto il bassorilievo di “Antinoo”, giovane greco di straordinaria bellezza, favorito dell’imperatore Adriano, vissuto nel II secolo d.C..
L’opera lo rappresenta intento a recidere un tralcio da cui pendono due grappoli di uva.
Il bassorilievo è oggi custodito presso il Museo Nazionale Romano, Palazzo Massimo alle Terme (Largo di Villa Peretti n. 1 – Roma).

UVAGGIO E VINIFICAZIONE
Blend di Viognier e Chardonnay (due terzi - un terzo)
(percentuali indicative, variabili in funzione dell’annata)
All’arrivo in cantina le uve vengono sottoposte a pressatura soffice a cui segue un naturale illimpidimento del mosto ad una temperatura di 12–13° C. onde evitare di impoverire la struttura.
Quando il mosto raggiunge una temperatura di circa 18° C., viene posto, separando le varietà, in “tonneaux” (botti da 500 litri in gran parte di acacia).
Una piccola frazione di Chardonnay viene posta in “barriques” di rovere non tostato.
In botte si compiono sia la fermentazione alcolica che quella malolattica.
Durante questo periodo che va da metà settembre a fine marzo, si susseguono dei periodici “bâtonnage” (messa in circolo delle fecce nobili depositate sul fondo).
Segue un periodo di affinamento in bottiglia per 6-12 mesi.

ESAME ORGANOLETTICO
Colore giallo con riflessi dorati; al naso è elegante, complesso, con dominanza di fiori gialli, di acacia e di ginestra.
In bocca si distingue per la sua traccia salina e minerale molto persistente che si addolcisce nel finale.

ABBINAMENTI SUGGERITI
Con una inconsueta Pasta alla Amatriciana in bianco detta “GRICIA”.

👉 E voi quale abbinamento preferite?
www.casaledelgiglio.it/antinoo/

#CasaledelGiglio #Antinoo #IviniCasaledelGiglio #Lazio #IGT #IGP
... See MoreSee Less

I NOSTRI VINI - BIANCHI
ANTINOO - BIANCO LAZIO IGT/IGP

CENNI STORICI
Nel dicembre 1907 in località Torre del Padiglione, a breve distanza dall’azienda Casale del Giglio, fu rinvenuto il bassorilievo di “Antinoo”, giovane greco di straordinaria bellezza, favorito dell’imperatore Adriano, vissuto nel II secolo d.C..
L’opera lo rappresenta intento a recidere un tralcio da cui pendono due grappoli di uva.
Il bassorilievo è oggi custodito presso il Museo Nazionale Romano, Palazzo Massimo alle Terme (Largo di Villa Peretti n. 1 – Roma).

UVAGGIO E VINIFICAZIONE
Blend di Viognier e Chardonnay (due terzi - un terzo) 
(percentuali indicative, variabili in funzione dell’annata)
All’arrivo in cantina le uve vengono sottoposte a pressatura soffice a cui segue un naturale illimpidimento del mosto ad una temperatura di 12–13° C. onde evitare di impoverire la struttura.
Quando il mosto raggiunge una temperatura di circa 18° C., viene posto, separando le varietà, in “tonneaux” (botti da 500 litri in gran parte di acacia).
Una piccola frazione di Chardonnay viene posta in “barriques” di rovere non tostato.
In botte si compiono sia la fermentazione alcolica che quella malolattica.
Durante questo periodo che va da metà settembre a fine marzo, si susseguono dei periodici “bâtonnage” (messa in circolo delle fecce nobili depositate sul fondo).
Segue un periodo di affinamento in bottiglia per 6-12 mesi.

ESAME ORGANOLETTICO
Colore giallo con riflessi dorati; al naso è elegante, complesso, con dominanza di fiori gialli, di acacia e di ginestra.
In bocca si distingue per la sua traccia salina e minerale molto persistente che si addolcisce nel finale.

ABBINAMENTI SUGGERITI
Con una inconsueta Pasta alla Amatriciana in bianco detta “GRICIA”.

👉 E voi quale abbinamento preferite?
▶ https://www.casaledelgiglio.it/antinoo/

#CasaledelGiglio #Antinoo #IviniCasaledelGiglio #Lazio #IGT #IGP

Comment on Facebook

Un connubio straordinario di eleganza, gusto, raffinatezza culturale. Pronto ad organizzare un evento per farlo conoscere... a Tivoli!

Tra i miei preferiti... ❤️

1 week ago

Casale del Giglio

LE ORIGINI: AMATRICE

Casale del Giglio ha un particolare legame affettivo con la città di Amatrice, culla di antichi sapori immersa nel verde dei monti della Laga.
Provengono da queste terre il fondatore dell’azienda Dino Santarelli e la signora Ernesta D’Orazio sua moglie.

Il sapore intenso del Pecorino Romano unito a quello del Guanciale di Amatrice sono i tratti caratteristici della versione originaria della pasta all’Amatriciana detta Gricia.
La Gricia trova il suo abbinamento ideale con l’Anthium.

Nel rinnovare la tradizione della terra d’origine è consuetudine della famiglia Santarelli accogliere con questi sapori i loro ospiti.

👉 www.casaledelgiglio.it/amatrice/

#CasaledelGiglio #Gricia #Anthium #IviniCasaledelGiglio #Amatrice #MontidellaLaga
... See MoreSee Less

LE ORIGINI: AMATRICE

Casale del Giglio ha un particolare legame affettivo con la città di Amatrice, culla di antichi sapori immersa nel verde dei monti della Laga.
Provengono da queste terre il fondatore dell’azienda Dino Santarelli e la signora Ernesta D’Orazio sua moglie.

Il sapore intenso del Pecorino Romano unito a quello del Guanciale di Amatrice sono i tratti caratteristici della versione originaria della pasta all’Amatriciana detta Gricia. 
La Gricia trova il suo abbinamento ideale con l’Anthium.

Nel rinnovare la tradizione della terra d’origine è consuetudine della famiglia Santarelli accogliere con questi sapori i loro ospiti.

👉 https://www.casaledelgiglio.it/amatrice/

#CasaledelGiglio #Gricia #Anthium #IviniCasaledelGiglio #Amatrice #MontidellaLaga

Comment on Facebook

Veronica Santini dobbiamo provareeee

Un caro saluto al Dott Antonio ed a tutti voi per il vostro egregio lavoro

2 weeks ago

Casale del Giglio

Sabato 15 Febbraio sono venuti a trovarci in azienda gli aspiranti sommelier dell’AIS di Frosinone 🍷

#CasaledelGiglio #Sommerlier #AIS #AISFrosinone #VisiteGuidate
... See MoreSee Less

Sabato 15 Febbraio sono venuti a trovarci in azienda gli aspiranti sommelier dell’AIS di Frosinone 🍷

#CasaledelGiglio #Sommerlier #AIS #AISFrosinone #VisiteGuidate

2 weeks ago

Casale del Giglio

I NOSTRI VINI - BIANCHI
PETIT MANSENG - BIANCO LAZIO IGT/IGP

CENNI STORICI
Vitigno del Jurançon, zona prossima ai Pirenei francesi atlantici. Forma superiore del Gros Manseng, presenta bacche particolarmente piccole dalla buccia spessa, che producono esigue quantità di mosto e possono restare sulla pianta fino ad autunno inoltrato, sì da concentrare lo zucchero con un processo di appassimento detto in francese “passerillage”.
L’interesse per le potenzialità di questa varietà è in continuo aumento nel nostro Agro Pontino, dove nasce a Le Ferriere (Latina) a circa 50 km a sud di Roma.

UVAGGIO E VINIFICAZIONE
100% Petit Manseng da uve ben mature che, però, conservano un ottimo tenore di acidità che garantisce la massima espressione varietale.
Vinificazione in bianco con breve macerazione a freddo (7–8° C.) per 10–12 ore.
Pressatura molto lenta e soffice, nel massimo rispetto del frutto, seguita da decantazione statica naturale del mosto a 14–16° C..
Avvio spontaneo della fermentazione (per esaltare le caratteristiche varietali ed aromatiche) con inoculo di lieviti al secondo giorno di fermentazione.
Dopo 10 giorni, finita la fermentazione (avvenuta a 18–20° C.) il nuovo vino viene travasato e raffreddato onde evitare la fermentazione malolattica.
Imbottigliamento verso marzo/aprile, dopo lunga permanenza sui lieviti.

ESAME ORGANOLETTICO
Colore giallo paglierino brillante, profumo molto intenso, aromatico e speziato; gusto fresco, molto minerale, sapido, di ottima struttura.

ABBINAMENTI SUGGERITI
Ideale con lo “Scorfano di Ponza all’Acqua Pazza”.

👉 E voi quale abbinamento preferite?
www.casaledelgiglio.it/petit-manseng/

#CasaledelGiglio #PetitManseng #IviniCasaledelGiglio #Lazio #IGT #IGP
... See MoreSee Less

I NOSTRI VINI - BIANCHI
PETIT MANSENG - BIANCO LAZIO IGT/IGP

CENNI STORICI
Vitigno del Jurançon, zona prossima ai Pirenei francesi atlantici. Forma superiore del Gros Manseng, presenta bacche particolarmente piccole dalla buccia spessa, che producono esigue quantità di mosto e possono restare sulla pianta fino ad autunno inoltrato, sì da concentrare lo zucchero con un processo di appassimento detto in francese “passerillage”.
L’interesse per le potenzialità di questa varietà è in continuo aumento nel nostro Agro Pontino, dove nasce a Le Ferriere (Latina) a circa 50 km a sud di Roma.

UVAGGIO E VINIFICAZIONE
100% Petit Manseng da uve ben mature che, però, conservano un ottimo tenore di acidità che garantisce la massima espressione varietale.
Vinificazione in bianco con breve macerazione a freddo (7–8° C.) per 10–12 ore.
Pressatura molto lenta e soffice, nel massimo rispetto del frutto, seguita da decantazione statica naturale del mosto a 14–16° C..
Avvio spontaneo della fermentazione (per esaltare le caratteristiche varietali ed aromatiche) con inoculo di lieviti al secondo giorno di fermentazione.
Dopo 10 giorni, finita la fermentazione (avvenuta a 18–20° C.) il nuovo vino viene travasato e raffreddato onde evitare la fermentazione malolattica.
Imbottigliamento verso marzo/aprile, dopo lunga permanenza sui lieviti.

ESAME ORGANOLETTICO
Colore giallo paglierino brillante, profumo molto intenso, aromatico e speziato; gusto fresco, molto minerale, sapido, di ottima struttura.

ABBINAMENTI SUGGERITI
Ideale con lo “Scorfano di Ponza all’Acqua Pazza”.

👉 E voi quale abbinamento preferite?
▶ https://www.casaledelgiglio.it/petit-manseng/

#CasaledelGiglio #PetitManseng #IviniCasaledelGiglio #Lazio #IGT #IGP

Comment on Facebook

Grande vino di qualità ad un prezzo onesto, peccato in questo periodo quasi introvabile...aspettiamo.

👏👏👏🤝